Lettera aperta ai giovani che si mettono al servizio del neofascismo e agli adulti che lo alimentano diffondendo paure e strumentalizzazioni politiche

Alla vostra età, quattordicenne, ho sofferto la fame causata da una guerra voluta da Hitler, Mussolini e da tutti quelli che dietro le parole “nazione” e “patria” nascondevano solo il proprio interesse e ambizioni deleterie.

Causarono milioni di morti. Fame, distruzioni e barbarie.

Il Fascismo ci voleva sudditi. Ci voleva obbedienti, muti e vili.

Noi donne, ritenute inferiori tanto da non meritare il diritto di voto, dovevamo vivere sottomesse.

L’umanità del nostro popolo andava sacrificata a folli sogni di Impero, alla retorica degenere della superiorità degli uni sugli altri che nascondeva, invece, solo lo sfruttamento.

Con la dittatura ci è stata tolta la possibilità di essere realmente esseri umani perchè il rispetto e la solidarietà non esistevano, ma solo l’imposizione e il comando.

A quattordici anni scelsi di essere Partigiana.

Vidi giovani come voi fucilati dalle brigare nere dopo essere stati torturati. Altri 10, torturati e legati in un fienile, furono bruciati vivi. Furono 32 i giovani caduti nella nostra valle (*): si sono sacrificati per le generazioni future. Anche per voi.

Mi chiedo: come potete essere attratti da parole d’odio, dal culto della violenza, da percorsi politici che ricalcano tal quali le cause di quella pazzia, di quella barbarie?

Non lasciatevi ingannare dai tanti adulti che, nei loro sicuri posti di potere e privilegio, sono di cattivo esempio e incitano per mettere gli uni contro gli altri facendo leva sulle bassezze umane. Essi vi usano, vi strumentalizzano!

Lo fanno per i propri interessi che non sono i vostri, che non sono i nostri.

Lo fanno per sviare l’attenzione dalle vere questioni.

Non dimenticatelo: ci vogliono pedine, ma noi continueremo ad essere persone pensanti: liberi, nella libertà altrui.

Se volete essere Ribelli, come lo fummo noi, fatelo per Amore e non per Odio. Guardate indietro alla Storia: se lo farete con capacità di lettura vedrete da che parte sta l’umanità e da che parte stanno i suoi sfruttatori e detrattori …. e dopo averlo fatto … non schieratevi dalla parte sbagliata.

Gloria, staffetta Partigiana, classe 1929 – (*) operativa sul Garda-Valsabbia

Salò, 1 dicembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *