L’apologia del fascismo è ancora reato?

Il 28 ottobre scorso si è tenuta a Salò la “consueta” cena commemorativa della Marcia su Roma, presso un ristorante locale che non ha evidenti problemi in merito, ma la novità di ques’anno è stata la volontà di renderla pubblica, di mostrare l’oggettivo successo di partecipazione: circa 360 persone con la presenza dichiarata dagli organizzatori di alcuni sindaci e/o assessori.

Il tutto con la consueta ostentazione dei simboli fascisti.

Il limite è sicuramente superato.

Una prova di “forza” che può voler dire: “Guardiamo cosa accade … mettiamo fuori la testa … vediamo se possiamo scorazzare come ai vecchi tempi”

Noi non possiamo che reagire con le parole e le denunce, segnalazioni formali.

Forse non basteranno le nostre sole parole. È la comunità che deve reagire, rendersi finalmente conto che i nostri ripetuti appelli alla vigilanza e alla reazione democratica non erano infondati.

Il primo comunicato inviato alla stampa – 2 novembre 2019

Siamo spesso accusati di vedere pericoli ove non ci sono, ma le vicende nazionali (ultimo caso a noi vicino a Collebeato con la bomba carta contro il Sindaco e a livello nazionale il rifiuto di parte del parlamento ad avvallare la commissione proposta da Liliana Segre contro il razzismo e l’antisemitismo) ed internazionali (la città di Dresda che dichiara “emergenza nazismo”) dimostrano quanto i nostri appelli ad alzare la guardia e a reagire siano fondati.

In questo quadro bisogna giudicare le cene commemorative della Marcia su Roma fascista, marcia che è il simbolo del disprezzo della democrazia e del culto della violenza per imporre il proprio potere. Simbolo inoltre di uno stato che non volle reagire, quando lo poteva fare, in quanto il fascismo era strumentale a degli interessi che non erano quelli popolari.

Fin quando alcuni nostalgici che amano giocare con le divise e ricordare quanto fossero divertenti il manganello e l’olio di ricino si ritrovano per cene private si può far finta di nulla. Quando queste cene diventano per numero di partecipanti e per esibizione di simboli una manifestazione politica, anche se in un ristorante, all’ora non si può stare zitti.

Non siamo di fronte a cene in costume, ma a momenti di riorganizzazione politica di culture e organizzazioni che vogliono essere gli eredi e precursori del fascismo oggi.

Scriveremo al Prefetto e al Questore. Chiediamo interventi forti perchè l’apologia del fascismo è ancora un reato.

Non sottovalutiamo quello che sta accadendo nel nostro paese: le sceneggiate non sono mai fine a se stesse. E’ in corso un preciso rilancio di politiche reazionarie, antidemocratiche e portatrici di idee degenerate e degeneranti.

(nota: da quel giorno un susseguirsi di altri episodi .. dalla questione Balottelli – Luca Castellini – Salvini … alle minacce alla Segre, a molte altre cene … presidi … dichiarazioni …)

Lettera inviata al Prefetto e al Questore di Brescia – 5 novembre 2019

Egr. Dott. Attilio Visconti – Prefetto di Brescia

Egr. Dott. Leopoldo Laricchia – Questore di Brescia

e p.c. Egr. Sindaco Comune di Salò

Oggetto:  L’apologia del Fascismo è ancora un reato?       Richiesta di vostro intervento sul territorio Garda Bresciano – Bassa Valsabbia

Egregi, in qualità di presidente della sezione Anpi Garda Valsabbia (comuni indicati in calce) sono a disturbarvi per esprimere la nostra profonda preoccupazione di fronte alla rottura di un argine: l’argine che relegava i fenomeni culturali e politici di stampo neofascista nel campo della sconvenienza e della riprovazione collettiva.

In primis dei rappresentanti delle Istituzioni democratiche.

Negli ultimi anni assistiamo ad una particolare vitalità anche nel nostro territorio di presenze che si richiamano in modo esplicito alle simbologie Fasciste.

Come sicuramente avrete presente, questi soggetti giocano nel mascherare i propri riferimenti: da una parte vogliono essere un richiamo diretto ed esplicito proponendosi come gli eredi dei contenuti politici del Fascismo (da qui il bisogno di utilizzare dei simboli identificabili), dall’altra sono consci di essere oltre la linea del lecito e pertanto utilizzano il paravento della rievocazione storica o della goliardia.

Alle simbologie poi seguono i contenuti e i toni estremamente aggressivi della propaganda politica.

Alla caduta di quell’argine, che in qualche modo conteneva il fenomeno, contribuiscono anche comportamenti definiamoli ambigui (la stessa diffusa indifferenza risulta ambigua) da parte di istituzioni o personaggi pubblici che hanno generato la sensazione che ci fosse lo spazio per riorganizzarsi, uscire allo scoperto, fare proselitismo e quindi rafforzarsi tessendo reti nel solco del riferimento comune: il Fascismo.

Salò, per la sua simbologia legata alla R.S.I, diviene un luogo ideale, anche se non esclusivo, per questa riorganizzazione.

La recente cena commemorativa della Marcia su Roma tenutasi in un ristorante salodiano (si allega riferimento) dimostra questa attrattiva sovra provinciale: gli organizzatori stessi parlano di 360 partecipanti con la presenza di Sindaci e/o assessori.

Il tutto con palese ostentazione di espliciti riferimenti al Fascismo.

Siamo di fronte ad una cena evento politico più che ad una privata rimpatriata tra vecchi amici, ne è prova la risonanza che se ne è voluto dare e la mancanza di riservatezza.

Scandalizza la partecipazione di Sindaci e/o assessori che hanno giurato fedeltà alla Costituzione. Essendo su prenotazione, non sarà per voi difficile risalire ai loro nomi.

È comunque il contesto che preoccupa e il clima di indifferenza.

Di seguito se ne fanno solo degli esempi.

Tra gli organizzatori della cena l’ex consigliere comunale dell’MSI promotore di un museo “informale” a Salò sul Fascismo che viene proposto come esposizione storica, ma che ha l’evidente funzione di segnare il territorio di una presenza, che, insieme alle cene, con gli anni ha dato evidentemente i propri frutti. Segnaliamo un’altra cena / evento per il centenario della nascita dei fasci italiani di combattimento svoltasi sempre a Salò (si allega riferimento) e la presenza sul territorio di vari soggetti organizzati di cui l’Anpi Nazionale ha chiesto pubblicamente lo scioglimento (Casapound e Forza Nuova) e di altri soggetti similari.

Fanno parte del contesto però anche le iniziative pubbliche che, proposte con gli stessi intenti prima citati di iniziativa storica e/o artistica, nei fatti rafforzano il binomio Salò – Fascismo .

Mi riferisco alla mostra tenutesi a Salò dedicata a Mussolini con l’infelice titolo “Il culto del Duce” e soprattutto l’allestimento fisso sul Ventennio Fascista in fase di studio / realizzazione nel museo comunale, quando Salò non ha alcun rapporto storico con il Fascismo pre R.S.I risultando di fatto una forzatura ingiustificabile.

Riteniamo che tutto questo abbia il solo risultato di consolidare il legame tra Salò e il Fascismo, amplificando un mito Fascista utile ai gruppi locali (e non solo) per rafforzarsi, avendo estrema necessità di simbologie per farlo.

L’altro episodio riguarda non solo la ripetuta concessione a Prevalle di spazi pubblici, anche se non istituzionali, ad alcuni di questi gruppi per iniziative e feste, ma una loro pubblica legittimazione, da parte dei Sindaci, come risposta alle ripetute rimostranze dell’Anpi locale.

Ripeto, sono solo alcuni dei più recenti fatti di interesse in zona e li si ricorda non dimenticando che il Garda in passato è già stato centro operativo di frange estremistiche nere.

Per concludere questa lettera si chiede un vostro autorevole intervento perchè venga ripristinato un limite, un argine, affinchè il processo che leggiamo sul territorio non generi / trovi lo spazio per un ulteriore salto di scala e perchè l’apologia del Fascismo non venga considerata cosa normale e tollerabile.

Reazioni?

Come al solito sembra prevalere l’indifferenza.

Se gli argini non verranno ripristinati, come chiesto al Prefetto e al Questore e come  si chiede a tutti voi che leggete, divverrà sempre più difficile farlo: la normalizzazione sarà conclusa.

Ma parliamo solo di simboli? Solo uno sciocco può pensarlo.

Sappiamo che chi si espone maggiormente con le simbologie fasciste serve da transfert di consensi verso i politici che sanno con riferimenti indiretti, colpi di sponda, farsi rappresentanti di quelle aree e soprattutto di quei contenuti politici, sdoganandoli perchè … sono anche i propri.

Una strumentalizzazione che è anche un modo per verificare fino a che punto ci si può spingere, come mezzo per far assimilare determinati ragionamenti – principi, parlando, come si dice, alla pancia che va stimolata con le giuste “provocazioni”.

Tanto più funziona, tanto più non ci sono reazioni da parte della comunità.

A questo aggiungiamo la vecchia tecnica della figura del mediano, che si propone come medium che sa interpretare i sentimenti profondi del popolo incazzato, ma senza compromettersi con gli estremisti (che intanto si difendono e si incoraggiano), affinchè l’asse mediano possa essere spostato sempre più a destra, verso quei contenuti che così bene i Fascisti sapevano rappresentare.

Facciamo un esempio di questo gioco delle parti.

Sarete voi a stabilire se è pertinente o meno:

Balotelli, il giocatore italiano di colore, reagisce durante una partita agli insulti razzisti della tifoseria e il caso diventa di interesse nazionale.

Luca Castellini rappresentate di Forza Nuova e capo di quella tifoseria che inneggia ad Hitler offende il giocatore Balotelli in modo plateale ed inequivocabile.

È razzismo. Condanna collettiva.

Subito dopo Salvini (capo della Lega) con riferimento alle vicende dell’Ilva fa la seguente battuta: “Un operaio Ilva vale dieci Balotelli. Non abbiamo bisogno di fenomenti” (fonte stampa nazionale).

Che ne dite?

Antonio Bontempi Anpi Medio Garda

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *