18-06-2019 Fare Memoria tra Parole e Musica – anniversario funerali Zambarda

 

28 maggio 1974 · Brescia
Strage neofascista di piazza Loggia Brescia

18 giugno 1974 · Salò
Funerali di V.Zambarda – salodiano – ferito dalla bomba

FARE MEMORIA TRA PAROLE E MUSICA
Martedi18 giugno 2019 – ore 20.30
Biblioteca comunale – via Leonesio – SALÒ
lntervengono:
Pino Mongiello – in rappresentanza dell’allora Amministrazione Comunale
Manlio Milani – Presidente Casa della Memoria e Silvia Guarneri – avvocato
Coordinano: Francesca Parmigiani – Anpi provinciale
e don Fabio Corazzina – Parroco Santa Maria in Silva Brescia

Accompagnamento musicale a cura di: Alessandro Adami (voce e chitarra) e Carlo Gorio (chitarra)

Alle 19.30 ricorderemo Vittorio Zambarda con la deposizione di fiori alla targa nella piazza a lui dedicata (di fronte scuola primaria “T. Olivelli”)

promuovono:

Arci – circolo V. Zambarda Salò
Fondazione DS Brescia
CGIL Camera Lavoro Salò
CISL – Salò
UIL – Salò
Anpi Medio Garda
Associazione Fiamme Verdi – Brescia

4 maggio 2019 – “L’uomo in piedi” – Villanuova sul clisi

Lo spettacolo promosso dall’Associazione “Movimento dal Sottosuolo” andrà in scena questo sabato, 4 maggio, presso la Sala consiliare del Comune di Villanuova. Al centro la storia del turco Erdem Gunduz e della sua protesta silenziosa

Ospite dell’Associazione culturale “La Rosa e la Spina”, dell’Anpi Bassa Valsabbia e della “Rete 25 Aprile, Sempre Garda e Valsabbia”, l’Associazione “Movimento dal Sottosuolo” organizza per questo sabato, 4 maggio, uno spettacolo con testi e musiche di disobbedienza civile e politica.

L’appuntamento con “L’uomo in piedi” – questo il titolo dello spettacolo – patrocinato dal Comune di Villanuova, è in programma alle ore 20.30 presso la Sala consiliare in Piazza Roma.
Lo spettacolo nasce nell’ambito della giornata “Dieci cento mille Riace” a sostegno del modello Riace, in una giornata dedicata a Mimmo Lucano e alla raccolta fondi per RE.CO.SOL.
L’idea che muove la scena è un fatto accaduto il 17 giugno 2013 in Piazza Tarkim, a Istanbul. Alle ore 18 viene avvistato un uomo immobile rivolto verso l’Ataturk Cultural Center. Il suo nome è Erdem Gunduz, danzatore e coreografo turco.
Verrà arrestato dopo alcune ore. La sua protesta silenziosa, divenuta nota come “The standing man”, si dice abbia dato via all’ultima rivoluzione turca, e da alcuni è annoverabile tra le azioni di disobbedienza civile.
Lo spettacolo, accompagnato dalle musiche degli “Omani” di Ghazouli, si sviluppa sui versi dei “Poeti dal Sottosuolo” e su alcuni testi cardine, quali Rousseau, De La Boetie, Jung, Thoreau, Gary Snyder, Don Milani, Umberto Eco.
L’evento vedrà la partecipazione di Mario Archetti (voce, chitarra), Nelson Sosa (percussioni), i poeti Luca Artioli, Marjo Durmishi, Daniela Dante, Andrea Garbin, Valbona Jakova, Enrica Borrini, Valeria Raimondi, dello scrittore Fabrizio Arrighi e di Gianluigi Bergognini e Fabrizio Grigo Contini.

2 maggio 2019 – Arco – “Mussolini ha fatto anche cose buone. Le idiozie che continuano a circolare sul fascismo”

GIOVEDì 2 MAGGIO – PALAZZO PANNI (ARCO)

Presentazione del libro “Mussolini ha fatto anche cose buone. Le idiozie che continuano a circolare sul fascismo” e dialogo con l’autore Francesco Filippi

Dopo oltre settant’anni dalla caduta del fascismo, mai come ora l’idra risolleva la testa, soprattutto su Internet, ma non solo. Frasi ripetute a mo’ di barzelletta per anni, che parevano innocue e risibili fino a non molto tempo fa, si stanno sempre più facendo largo in Italia con tutt’altro obiettivo. E fanno presa. La storiografia ha indagato il fascismo e la figura di Mussolini in tutti i suoi dettagli e continua a farlo. Il quadro che è stato tracciato dalla grande maggioranza degli studiosi è quello di un regime dispotico, violento, miope e perlopiù incapace. L’accordo tra gli studiosi, che conoscono bene la storia, è piuttosto solido e i dati non mancano. Ma chi la storia non la conosce bene – e magari ha un’agenda politica precisa in mente – ha buon gioco a riprendere quelle antiche storielle e spacciarle per verità. È il meccanismo delle fake news, di cui tanto si parla in relazione a Internet; ma è anche il metodo propagandistico che fu tanto caro proprio ai fascisti di allora: «Dite il falso, ditelo molte volte e diventerà una verità comune». Per reagire a questo nuovo attacco non resta che la forza dello studio. Non resta che rispondere punto su punto, per mostrare la realtà storica che si cela dietro alle «sparate» della Rete. Perché una cosa è certa: Mussolini fu un pessimo amministratore, un modestissimo stratega, tutt’altro che un uomo di specchiata onestà, un economista inetto e uno spietato dittatore. Il risultato del suo regime ventennale fu un generale impoverimento della popolazione italiana, un aumento vertiginoso delle ingiustizie, la provincializzazione del paese e infine, come si sa, una guerra disastrosa. Basta un’ora per leggere questo volume, e sarà un’ora ben spesa, che darà a chiunque gli strumenti per difendersi dal rigurgito nostalgico che sta montando dentro e fuori il chiacchiericcio sguaiato dei social. Prefazione di Carlo Greppi.

25 aprile 2019 a Salò – un significato particolare

Su richiesta di numerosi cittadini Salodiani si diffonde il presente appello.

Il 25 Aprile si festeggia la Liberazione e questa ricorrenza per Salò ha un significato particolare. La nostra città non merita di portare il peso dei tragici trascorsi legati al fascismo e di esserne diventata simbolo per chi ancora oggi lo ha come punto di riferimento.

Quest’anno inoltre si rende necessaria una partecipazione alle celebrazioni ancor più numerosa e convinta per le recenti scelte del Consiglio Comunale: la mancata presa di distanze, nette ed inequivocabili, da quella tradizione politica con la rimozione della cittadinanza onoraria a Mussolini.

Festeggiamo dunque insieme la Resistenza e la Liberazione per affermare che Salò non deve essere titubante ed indulgente con i fascisti di ieri e di oggi.

Un messaggio preciso a chi, in questi giorni, si è sottratto a questo impegno e dovere e a chi vuol far rivivere quella cultura e quella politica.

Sulle scelte importanti, come ci ha insegnato la Resistenza, è necessario schierarsi.

Lo devono fare i cittadini, le istituzioni ed i suoi rappresentanti.

Invitiamo quindi tutti i cittadini salodiani a partecipare numerosi alle celebrazioni che si terranno la mattina in paese, con la partenza dal giardino P.Ebranati – monumento alla Resistenza – (ore 10.00) e la celebrazione in piazza Vittoria (ore 11.00).

Buon 25 aprile !

Anpi Medio Garda

 

Pagina su mozione rimozione cittadinanza Mussolini

Aggiornamento – come è andata a finire

25 aprile 2019 – iniziative

Elenco iniziative di zona per il 25 aprile 2019

19 APRILE 2019

TOSCOLANO MADERNO

23 APRILE 2019

DESENZANO

24 APRILE 2019

REZZATO
 

25 APRILE 2019

SALÒ
  
TOSCOLANO MADERNO
  
  
ROÈ VOLCIANO
  
VILLANUOVA S/C – GAVARDO – PREVALLE
  
GAVARDO
  
VOBARNO
  
VESTONE ALTA VALSABBIA
  
PUEGNAGO
  
SIRMIONE – DESENZANO
  
ARCO
  
BRESCIA
  

28 APRILE 2019

PERTICA BASSA
  

Neofascismo e Salò, il sodalizio è tornato

8 aprile 2019
Neofascismo e Salò, il sodalizio è tornato.

Se anche le istituzioni locali, il consiglio comunale e il sindaco che ha giurato fedeltà alla Costituzione, non trovano spontaneo ed immediato cancellare la cittadinanza onoraria, tributo pubblico, a Benito Mussolini, che  per antonomasia a fianco di Hitler è simbolo dell’estrema devianza fascista e peggio ancora si riduce la questione a materia elettorale, allora possiamo dire che Salò si merita l’appellativo di Capitale, se non storica, morale della RSI.

Il voto della mozione che chiedeva la rimozione di quel riconoscimento pubblico avrebbe necessitato 5 minuti:  l’approvazione doveva essere scontata e senza distinguo.
L’atto del rimandare sine die tale gesto di fatto affossa la proposta e risulta, come è stata definita giustamente, una decisione ridicola ed offensiva nei confronti del consiglio comunale.

Il rimandare può voler dire solo una cosa: non si era d’accordo con la proposta di rimarcare oggi una cesura netta con il fascismo e Mussolini.
Come ANPI avevamo spiegato la necessità di farlo, di farlo oggi e a maggior ragione di farlo a Salò.
Oggi possiamo solo esprimere la nostra disapprovazione e sottolineare il significato preciso di questa scelta.

Chi ha gioito e festeggiato sono i numerosi rappresentanti neofascisti accorsi sul posto o che hanno fatto pressioni in questi giorni … per loro il fascismo non è un capitolo chiuso

Ieri, 8 aprile 2019, la maggioranza che guida Salò ha tolto la maschera.
Nei fatti ha dimostrato come il tema Mussolini sia un capitolo aperto anche per loro e che non erano disposti a prendere le distanze da quella storia e da quei valori dimenticando loro la storia a i valori costituzionali sui quali hanno giurato, da rappresentanti delle istituzioni, al loro insediamento.
Possiamo quindi dire: Neofascismo e Salò, il sodalizio è tornato.
La scelta l’hanno fatta. Ora è tutto più chiaro.

Anpi Medio Garda

alcuni link su articoli di resoconto

il primo riporta la presa di posizione ufficiale della maggioranza

https://bresciasettegiorni.it/cronaca/revoca-della-cittadinanza-a-mussolini-rinviato-il-voto-della-mozione/

https://amp.tgcom24.mediaset.it/articolo/838/3201838.html

https://www.corriere.it/politica/19_aprile_10/mussolini-resta-cittadino-onorario-salo-pregiudiziale-revoca-e8ca4ad2-5b70-11e9-ba57-a3df5eacbd16.shtml

https://www.gardapost.it/2019/04/10/neofascismo-e-salo-lallarme-dellanpi/

http://www.bsnews.it/2019/04/10/cittadinanza-a-mussolini-lanpi-attacca-salo-e-tornata-fascista/

https://www.bresciaoggi.it/territori/garda/sal%C3%B2/cittadinanza-a-mussolini-non-finisce-qui-1.7257972

http://vallesabbianews.it/notizie-it/(Sal%C3%B2)-Neofascismo-e-Sal%C3%B2,-il-sodalizio-%C3%A8-tornato-49219.html

Revochiamo cittadinanza onoraria di Salò a Mussolini

# Premessa

Di seguito il link all’ articolo del Corriere Sera che ha messo in evidenza l’esistenza della cittadinanza onoraria a Mussolini a firma Casamassima.

Di seguito il link all’ articolo che rende noto l’iniziativa della minoranza, a firma del suo portavoce Zane, ovvero la mozione per la revoca della cittadinanza – cc 8 aprile 2018

# Comunicato 1 aprile 2019

A seguito di questa iniziativa, condividendola e immaginando le reazioni che avrebbe provocato in un contesto come vedremo falsamente distaccato, l’Anpi Medio Garda pubblica a nome del suo portavoce il seguente comunicato urgente

Comunicato stampa in appoggio alla mozione che verrà presentata in consiglio Comunale di Salò, l’ 8 aprile prossimo, da Stefano Zane per la cancellazione della cittadinanza onoraria a Mussolini.

Veniamo a conoscenza di questa proposta, la cancellazione del conferimento della cittadinanza onoraria a Mussolini, dalla stampa e non possiamo che appoggiarla ed invitare tutti i consiglieri comunali a votarla.

È un gesto simbolico, che non costa nulla attuare.

Diversamente da chi già si arrampica sugli specchi, non lo riteniamo assolutamente un capriccio politico o un gesto “inutile” tanto da non dover essere preso.

Lo riteniamo anzi un gesto necessario, proprio in questo periodo, soprattutto da parte del comune di Salò.

Perchè è un gesto necessario

Chi minimizza oggi il tema “fascismo” sono gli stessi che minimizzano fatti incontrovertibili, come la recrudescenza di forme organizzate di neofascisti, il diffuso emergere di sentimenti, di parole e di azioni che si nutrono della devianza fascista che semina odio e disprezzo ed invoca un moderno oscurantismo tramite pratiche di mistificazione e travisamento, denigrazione e diffamazione.

Quindi sarebbe un gesto simbolico, necessario ma non sufficiente, per riconoscere e contrastare, oggi, questo imbarbarimento.

Perchè lo deve fare proprio Salò

Chi minimizza il ruolo simbolico di Salò, quale riferimento di un mito fascista che si perpetua tramite il racconto pantomima dell’estremo sacrificio della RSI, per l’onore della patria e dei valori nazionali, è lo stesso che oggi ammicca a quelle vicende, pur dichiarandosi democratico, con battute, mezze frasi, allusioni o si presta ad iniziative proposte come storiche o culturali, ma estremamente ambigue.

Facendo questo alimenta e conferma questo ruolo simbolico, che a parole rifiuta, attirando le attenzioni sempre maggiori di chi ambiguo non lo vuole essere e si vanta del proprio degrado.

Quindi è un gesto simbolico, necessario ma non sufficiente, per dichiarare che si intende infrangere questa simbologia negativa legata al proprio paese.

Invitiamo pertanto i consiglieri comunali di Salò a questo piccolo gesto, appoggiando la mozione Zane e votando quindi per la cancellazione dell’onorificenza a Mussolini, ma di farlo come punto di partenza per porre più attenzione alle dinamiche in corso, per un maggiore impegno nel loro contrasto e per rifiutare le numerose ambiguità a cui assistiamo anche da parte di istituzioni.

Ringraziamo pubblicamente Stefano Zane per l’iniziativa.

Occasione per ricordare una famiglia che ha dato molto alla Resistenza locale.

 

# Aggiornamento 6 aprile 2019

Come previsto molti iniziano ad arrampicarsi sugli specchi e si raccolgono molte battute ed insulti.

La presunta inutilità dell’iniziativa viene smentita dai fatti: tutti ne parlano, molti storcono il naso, altri rivendicano apertamente il proprio sostegno all’immagine di Mussolini attaccando l’ANPI paragonato, in modo ridicolo, ai Talebani famosi per distruggere opere d’arte ritenute blasfeme. Peccato che il Fascismo non sia un opera d’arte e che nessuno in Italia dovrebbe vantarsi di sostenerlo, rimpiangerlo o giustificarlo. Questa è l’anomalia.

Bastava poco. Un appoggio alla mozione doveva risultare automatica: dichiarare la propria adesione ad un gesto simbolico, che evidenzia però un distacco reale da quelle radici, da chi vuole ancora oggi alimentare quei miti e dimostrare di non essere legati, o in debito, con i simpatizzanti, alcuni influenti e facoltosi, di quelle “devianze” e nessun eco ci sarebbe stato.

Questo passaggio semplice e lineare non c’è stato: ad oggi questo è un dato di fatto.

Vedremo il voto in aula lunedì 8 aprile 2019.

# Un inciso …. dai “talebani” dell’ANPI

Tratto da notizia ANSA -1-04-2014

“La revoca della cittadinanza a Mussolini a distanza di 95 anni è nel 2019 la priorità della sinistra che, divisa su tutto, cerca di trovare una sintesi”, ha detto Viviana Beccalossi, consigliere regionale del Gruppo Misto.
“A chi ha presentato la proposta – ha aggiunto Viviana Beccalossi – consiglio di non comportarsi come tristemente hanno fatto i Talebani, che distruggono ogni traccia di ciò che li ha preceduti. Non c’è cosa peggiore che cancellare il passato, compresi gli errori anche gravi che sono stati commessi, dato che un popolo che dimentica la sua storia è un popolo che non ha futuro”.

Strana coincidenza: parole che corrispondono alla propaganda di FN.

Domanda. Chi nega la storia?  Siamo noi che oggi, proprio ricordando  la storia, chiediamo una presa di posizione chiara e netta o siete voi che volete negare la storia, per tramandarne una vostra di comodo? Mussolini non si tocca ….

AGGIORNAMENTO 8 Aprile 2019

Neofascismo e Salò, il sodalizio è tornato

 

 

Antonio Bontempi

 

segue rassegna stampa non esaustiva

servizio a più voci su radio onda d’urto
http://www.radiondadurto.org/wp-content/uploads/2019/04/trx-su-Sal%C3%B2-cittadinanza-Mussolini.mp3

Articoli

https://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/19_marzo_23/mussolini-cittadino-onorario-418030e6-4d58-11e9-8911-13a101900170.shtml

https://bresciasettegiorni.it/politica/stefano-zane-chiede-la-revoca-della-cittadinanza-onoraria-a-mussolini/

http://www.bresciatoday.it/politica/salo-mussolini.html

https://www.globalist.it/news/2019/04/01/togliere-a-mussolini-la-cittadinanza-onoraria-a-salo-l-ex-missina-talebani-2039534.html

https://www.giornaledibrescia.it/garda/via-la-cittadinanza-di-sal%C3%B2-a-mussolini-sostegno-dell-anpi-1.3351157

https://bresciasettegiorni.it/cronaca/lanpi-medio-garda-sostiene-la-cancellazione-della-cittadinanza-a-mussolini/

https://www.gardapost.it/2019/03/29/zane-salo-revochi-la-cittadinanza-onoraria-a-mussolini/

https://www.gardapost.it/2019/04/01/lanpi-perche-necessario-revocare-la-cittadina-onorari-a-mussolini/

http://www.ansa.it/lombardia/notizie/2019/04/01/salo-togliere-cittadinanza-a-mussolini_5044eec1-cbf0-486d-bf34-bc5205d526a3.html

https://www.radiolombardia.it/2019/04/01/salo-mozione-per-togliere-la-cittadinanza-onoraria-a-mussolini/

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/04/03/salo-vuole-togliere-la-cittadinanza-onoraria-a-mussolini-ma-i-giovani-dovrebbero-frequentare-quei-luoghi/5083972/

https://www.ilgiorno.it/brescia/cronaca/mussolini-revoca-cittadinanza-salo-1.4520765

https://www.giornaledibrescia.it/garda/appello-di-quattro-ex-sindaci-via-la-cittadinanza-al-duce-1.3352069

https://brescia.corriere.it/notizie/cronaca/19_aprile_05/salo-cittadinanza-mussolini-appello-ex-sindaci-la-revoca-fee75794-5786-11e9-9553-f00a7f633280.shtml

 

Carlo Susara “Poi scese la notte” 22 marzo 2019

Venerdì 22 Marzo la Casa dei Popoli – T.Sankara, in collaborazione con la neonata Rete 25 Aprile e l’autore Carlo Susara presenta il secondo volume di “Poi scese la notte”, curato a sei mani con Morando Perini e Damiano Scalvini.

La storia degli ultimi venti mesi di guerra visti da un paese di provincia, uno come tanti in quel periodo, grazie a un inedito diario originale dell’epoca, 140 testimonianze, 350 immagini, 10 archivi consultati, 4 anni di lavoro e decine di documenti inediti.
Un racconto puntuale di uno dei periodi più bui della storia locale, tra rastrellamenti antipartigiani ed angherie dei gerarchi dell’agonizzante Repubblica di Salò.
Sarà un’occasione per discutere insieme dei fascismi di ieri e di oggi, in un territorio dalla memoria spesso troppo corta.

Dalle 19.30 aperitivo con degustazione vini di produttori locali.
Dalle 20.30 inizio presentazione e, a seguire, dibattito con l’autore.

NeoFascismo Salò – 12 Aprile 2019

Il risveglio e il riproporsi dietro nuove sigle del neofascismo in un territorio connotato da simbologie legate al mito fascista e della RSI, richiedono una risposta ed un intervento collettivo, per le negatività che esprime e il ruolo attivo avuto in strategie eversive e stragiste.
Il nostro contributo è far conoscere e ricordare

Venerdì 20.30 – auditorium biblioteca di Salò – INCONTRO PUBBLICO:

Estremismo di destra oggi – le inchieste giornalistiche
Federico Gervasoni, giornalista esperto di estrema destra

Fascisti dopo Mussolini. All’attacco della democrazia: strategie e
metodi della destra radicale
Mimmo Franzinelli, storico, autore di vari testi sull’estremismo di destra
(tra cui il recente “Fascismo Anno Zero” ed. Mondadori)

Il contesto generale: cosa alimenta queste devianze
Lucio Pedroni, presidente provinciale ANPI Brescia

ORGANIZZANO CIRCOLI ANPI LAGO DI GARDA VALSABBIA:
Medio Garda, Gargnano, Bassa Valsabbia, coordinamento sez.
Basso Garda, Bedizzole, Alto Garda e Ledro

Indicazioni Luogo
Indicazioni diretta video: da inserire