Appello 25 aprile 2018

Comunicato stampa – ANPI sezioni di Salò/Roè Volciano e di Gargnano

PRESENTAZIONE di un APPELLO per la riscoperta del Sogno Resistenziale ed un invito a rendersi attivi nella società per realizzarlo – iniziative connesse

Riconosciamo nell’esperienza resistenziale partigiana e dell’anti-fascismo un punto di riferimento per le energie positive e i sogni che hanno espresso.

Rivolgendo quindi lo sguardo a quelle persone nelle quali vogliamo continuare ad immedesimarci, i rappresentanti dell’ANPI di quei comuni che vengono identificati con il cuore di quella che fu la Repubblica Sociale Italiana, diffondono un APPELLO per aprire una fase di riflessione, di confronto e di condivisione di quel sogno resistenziale.

Un invito ad adoperarsi in prima persona, ognuno secondo le proprie prerogative e possibilità, perché su questi temi non è possibile delegare, ma neppure camminare da soli.

Quindi il terzo passaggio di quest’appello è un invito alla collaborazione, all’unione delle energie, per essere insieme “come un giardino e non piante isolate nel proprio vaso”.

… preoccuparsi di

… adoperarsi per

… unendo le energie

Tutto questo vuol dire proporre e condividere riflessioni ed iniziative uniti dal motto:  …un Sogno Concreto … per Essere Umani.

Un sogno che dobbiamo riscoprire per caratterizzare e sostanziare la nostra “umanità”.

 

Questo l’appello datato 25 aprile 2018:

Le sezioni di Salò, gemellata con Roè Volciano, e di Gargnano diffondono il presente appello:

Non possiamo che esprimere avvilimento di fronte ad uno scenario nazionale ed internazionale che vede:

  • l’accettazione e la normalizzazione di approcci di aggressività sociale su base economica, etnica, religiosa o nazionale;
  • il prevalere di pregiudizi ed egoismi;
  • processi di mistificazione della realtà per individuare capri espiatori verso cui sfogare le nostre paure (spesso indotte), l’insoddisfazione e l’insicurezza economica-sociale nascondendo i problemi e le reali cause;
  • la rinuncia dei valori positivi che avevano animato la nascita della nostra Costituzione e che ci imporrebbero la ricerca di una via per la convivenza e la civiltà.
  • l’eterna corsa agli armamenti, le guerre mascherate o ignorate, l’aumento dei nazionalismi e delle tensioni.

Un quadro molto preoccupante che ci mostra una realtà desolante che pare senza speranze.

L’ANPI di oggi che ha ricevuto il testimone dai protagonisti della Resistenza e che vuole trasmetterne lo spirito di fondo … quello che noi chiamiamo il Sogno Concreto, rivolge  un appello alle persone che si riconoscono in quei valori per adoperarsi insieme affinché il presente non sia più indegno del passato, ma migliore.

Pace, Democrazia e Antifascismo sono la stessa cosa, e se qualcuno ritiene che questi termini siano di “parte” noi, lo diciamo forte, siamo da questa parte: l’unica compatibile con la nostra umanità.

Non può essere un disvalore dirsi ancora oggi partigiani: l’indifferenza e l’equidistanza è conformismo al presente e non lo si può accettare.        

25 Aprile 2018

per ANPI Salò/Roè Volciano – Antonio Bontempi

per Anpi Gargnano – Leila Bonacossa